www.carsismo.it

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Le esplorazioni impegnative

E-mail Stampa PDF

Una delle esplorazioni più importanti effettuate dal C.A.R.S. negli anni '50 riguarda la grave di Faraualla, uno dei pozzi più profondi della Puglia. La prima esplorazione vide la discesa di soli primi 50 m, e quindi la risalita.

Esplorazioni impegnative

Infatti, nessuno si aspettava che la grave di Faraualla, superasse in profondità i 50 - 60 m. Le scalette realizzate in proprio dal C.A.R.S., non potevano superare quella profondità.

Esplorazioni impegnative

Intuita l'importanza della grave e convinti ancor più della necessità di dover condurre l'esplorazione, si dovette contattare la Commissione Grotte "E. Boegan" della Società Alpina delle Giulie di Trieste, per una collaborazione nelle ricerche. Ma a sua volta non si ritenne che la profondità del primo pozzo potesse raggiungere i 140 m, e le attrezzature portate si rivelarono insufficienti.

Esplorazioni impegnative

Si dovette quindi far ricorso all'utilizzo del materiale in dotazione al prof. Anelli presso l'Istituto Italiano di Speleologia con sede a Castellana Grotte. Il 30 dicembre del 1956 fu possibile la discesa e l'esplorazione che consentì di realizzare un primo rilievo.

Esplorazioni impegnative